In questo articolo passiamo subito al sodo, ti spiego gli errori da evitare per diventare un produttore musicale.

Se io avessi saputo queste informazioni agli inizi, sicuramente avrei capito qual era la strada giusta da seguire e sarei diventato un produttore musicale a tutti gli effetti con largo anticipo e risparmiando parecchio tempo ed energie.

Se vuoi iniziare a fare sul serio, parti da qua >>

Ecco l’elenco degli ERRORI DA EVITARE.

#1 PENSARE DI FARE SUBITO LE COSE IN GRANDE.

Certo, posso capirti: vorresti già vendere le tue basi online e di persona; vorresti avere uno studio tutto tuo; vorresti vivere di musica; vorresti lasciare il lavoro o l’università per dedicarti interamente alla musica. Però sei all’inizio, e come ogni percorso, anche questo ha bisogno di tempo e soprattutto costanza per il raggiungimento di piccoli obiettivi alla volta.

# 2 LASCIAR PERDERE TUTTO DAVANTI ALLA PRIMA DIFFICOLTA’.

Posso dirti che in questi anni ne ho passate abbastanza. Tra i problemi iniziali con i vari programmi di produzione…tra le difficoltà nell’utilizzo del computer…tra i problemi nel scegliere la giusta attrezzatura…ci sono anche stati periodi dove volevo mandare tutto all’aria, ti dico la verità…ma una cosa che mi ha permesso di arrivare dove sono ora è stata la determinazione e la voglia di far emozionare la gente con la MIA musica. Non c’è cosa più bella al mondo per quanto mi riguarda.

#3 PENSARE DI DOVER FARE PER FORZA TUTTO DA SOLO.

Molto probabilmente se stai leggendo questo articolo sei un aspirante musicista o produttore e posso immaginare che avrai un carattere simile al mio: introverso, solitario, creativo. I ragazzi col carattere come il nostro o simile, pensano spesso di dove fare tutto da soli: scaricano i programmi di musica più complessi e senza leggere il manuale o guardare tutorial vogliono ottenere subito tutto perchè pensano che basti la creatività e l’ispirazione. Ma non è così. Ho scoperto dopo che l’aiuto di corsi, video su Youtube, tutorial di vario tipo è stato fondamentale. Puoi anche fare alcune domande in chat privata a quelli che definisci produttori o musicisti di successo. Vorresti diventare come loro? Ok, perchè non chiedi alcuni consigli o strategie che hanno utilizzato per arrivare a fare quel tipo di lavoro? Puoi pensare anche di produrre insieme a qualche amico, o fare co-produzioni con altri produttori emergenti dall’altra parte del mondo, tramite Internet ovviamente.

#4 SCARICARE PROGRAMMI COMPLESSI PERCHE’ “I PRODUTTORI DI SUCCESSO LI USANO”.

Come ti ho spiegato in altri articoli: non serve assolutamente a niente installare programmi complessi all’inizio. Perchè hanno talmente tante funzioni che probabilmente all’inizio farai solo danni! Se vuoi scegliere la giusta Daw leggi questo articolo.

#5 FREQUENTARE CORSI COSTOSI.

I corsi sono utilissimi, ma devi stare molto attento. Ciò che devi tenere a mente all’inizio sono la pratica e la tenacia. I corsi ti daranno le giuste nozioni, ma poi SARAI TU che dovrai andare a mettere in PRATICA tutto quello che ti è stato insegnato.

#6 UTILIZZARE SEMPRE LE STESSE FUNZIONI DEL PROGRAMMA MUSICALE.

Non limitarti a usare sempre le stesse funzioni, non fare sempre gli stessi passaggi. Rischierai poi un giorno di dover ottenere un determinato risultato su una canzone e non saprai dove girarti. Leggi il manuale, guarda tutorial, studia il programma che utilizzi da cima a fondo, in modo da sapere dove mettere le mani in caso di difficoltà.

#7 UTILIZZARE PER SEMPRE I SAMPLES.

Ti può facilitare usare suoni preimpostati e importarli semplicemente nel programma. Ti serve per fare pratica e ti serve per capire come funziona il DAW. Ma a lungo andare, quando vorrai fare basi che senti TUE, non saprai da dove iniziare. Quindi dopo qualche settimana o mese di pratica il mio consiglio è di provare a fare alcune melodie partendo da zero, di qualunque strumento: pianoforte, chitarra, basso, violino…E cerca di mettere due o più melodie di strumenti diversi.

Scopri ora le tecniche di produzione musicale!

#8 FARE BASI GRATUITAMENTE O TENERE PREZZI MOLTO BASSI.

Se non te la senti di farti pagare subito perchè pensi che le tue basi siano di scarso valore, inizialmente puoi fare beats gratuiti per farti conoscere, o per attirare un nuovo cliente. Non fargli prendere questa abitudine però! E col passare dei mesi, quando sarai più pratico e starai iniziando a farti conoscere sui Social Media, dovrai stabilire un prezzo leggermente al di sotto della media di chi fa già quel lavoro. Se terrai i prezzi troppo bassi, i tuoi clienti penseranno che le tue basi siano di poco valore o poco professionali. Aumenta i prezzi e dai il massimo delle tue potenzialità!

#9 FARSI SPAVENTARE DAI MOMENTI DI POCA ISPIRAZIONE.

E’ normalissimo passare alcuni momenti in cui ti sembrerà di avere poca creatività. Magari hai provato qualunque suono o qualunque melodia e tutto sembra andare per il verso sbagliato! Piuttosto prenditi una pausa, fai attività fisica, non pensarci, evita di focalizzarti su quel problema, DEVI distrarti. Puoi anche tenere in considerazione il fatto che quel progetto non ha una scadenza urgente e puoi accantonarlo e riprenderlo in mano giorni o settimane dopo.

#10 FARE UNA BASE SU RICHIESTA E FARE TUTTO DI TESTA TUA.

Se ti viene richiesta una base, sopratutto se da un nuovo cliente, non puoi pensare di dover fare tutto come piace a te. Il cliente avrà i suoi gusti e tu i tuoi. Se alcuni suoni e melodie non sono gradite, cambiali. Cerca di andare incontro alle necessità del cliente o comunque in generale, cerca di trovare un punto che possa mettere d’accordo entrambi. Ma ricorda: la base dovrà piacere sicuramente di più a lui, perchè sarà lui l’esecutore finale.

–> Se vuoi iniziare a produrre basi musicali devi leggere questo articolo!

–> Se vuoi iniziare a studiare la teoria, ho preparato 4 video per te!

Stay Tuned & Creative 😉

Andrea