Spesso ti capita di avere melodie in testa, ma non riesci a concretizzarle in una base musicale.

Non riesci nella pratica a ricreare quella determinata melodia, a suonarla come vorresti, a trovare le giuste note e i giusti accordi.

Al pc non riesci a produrre come vorresti e a registrare quella maledetta melodia perchè magari non trovi il suono ideale.

O addirittura ti senti bloccato in fase di produzione, in fase di beatmaking.

Ti capisco, ci sono passato diverse volte.

E devo ammettere che è veramente una situazione stressante.

Una situazione che rischia di travolgerci e spesso ci fa buttare tutto il progetto per aria.

Se segui attentamente questi passi (che io utilizzo ancora oggi), ti posso assicurare che ti saranno di aiuto.

Pronto? Iniziamo :))

1. PUNTO DI PARTENZA

Devi avere un punto di partenza quando inizi a suonare, a produrre o a registrare.

Hai una melodia che continui a canticchiarti? Bene, ma come prima cosa devi capire da dove arriva.

Può essere una canzone che hai già sentito in radio, su Youtube o una melodia mai sentita prima; cerca di capire la sua provenienza.

Se riesci a identificare la canzone dalla quale proviene sei già a buon punto: tienila bene a mente, perchè sarà la tua fonte di ispirazione.

Se invece si tratta di una melodia “nuova” beh..ancora meglio.

Passa subito al punto N.2

2. NON PERDERE TEMPO

Se non inizi ORA a dedicarti seriamente a quella melodia, rischi di distrarti e addirittura di dimenticarla per sempre.

Appena hai l’opportunità di rimanere da solo in tranquillità per qualche ora: registrala al computer o scrivi su uno spartito le note, in modo da “salvarla”.

Spesso però capita che le melodia più belle arrivino nella nostra testa di punto in bianco, nei momenti meno opportuni.

Cosa fare in questo caso?

Puoi registrare con il tuo cellulare la tua voce mentre canticchi quella melodia o scriverti al volo due note, due accordi.

Però nei giorni seguenti devi trovare il modo di metterti subito al lavoro!

3. INIZIA A LAVORARE

Iniziando a lavorarci seriamente avrai già fatto il passo più importante di tutti.

Come iniziare a lavorare?

In questo articolo ti spiego tutte le modalità di produzione musicale per iniziare a lavorare seriamente alla tua melodia.

4. ARRANGIAMENTO

Ovviamente una volta registrata la melodia, non puoi farla ripetere in tutta la base, senza fare prima degli accorgimenti importanti.

Ti consiglio di suddividere il lavoro in:

  • CREAZIONE ACCORDI: Tieni la stessa nota di partenza della tua melodia e cerca l’accordo migliore. E’ minore o maggiore? Quanto devono essere lunghe le note? Quante variazioni di tonalità vuoi mettere?
  • ARRANGIAMENTO MELODIA: Duplica la melodia in altre ottave. Prova a cambiare strumento finchè non trovi quello che trasmette realmente ciò che avevi in testa prima di produrre. Aggiungi effetti, cambia alcune note, cambia leggermente il ritmo, ecc. ecc.
  • CREAZIONE BATTERIA SEMPLICE: Aggiungi Kick e Snare per iniziare. Ti può servire per dare maggiore ritmo alla melodia che hai registrato. Puoi eventualmente spostare le note della melodia di un ottavo o un sedicesimo, in modo da farle combaciare con la batteria.
  • PERFEZIONAMENTE BATTERIA: Oltre a cassa e rullante puoi aggiungere Fx, Crash, HiHats aperti e HiHats chiusi, percussioni. Puoi fare Panning, cioè spostare il volume di un suono da un canale all’altro (te lo consiglio per i piatti).

5. GENERE MUSICALE E SCHEMA

Scegli il genere musicale per quel tipo di melodia.

Quale genere è più appropriato?

E qual è invece il genere che ascolti maggiormente e che ami produrre?

Con quale tipo di strumento riesci a trasmettere al meglio le tue emozioni?

Rispondi a queste domande e una volta che hai individuato il genere musicale per la base, assicurati di seguire uno schema.

Come sai, ogni tipologia di musica segue schemi differenti; fai una breve ricerca online per trovare lo schema più usato per il genere musicale che stai producendo.

6. CONFRONTO

Confronta la tua “bozza” con una canzone famosa dello stesso genere musicale.

Puoi scaricarla e importarla nel progetto, o solo ascoltarla attentamente su Youtube.

Questo passaggio è importante perchè il confronto con altre canzoni ti permette di capire le differenze di schemi, suoni e strumenti utilizzati.

Troverai anche più facilmente gli errori all’interno del tuo beat e farai tante modifiche positive, come ad esempio l’aggiunta eventuale di altri strumenti, che magari fino a quel momento ti sembravano inutili.

Ascoltando e confrontando la tua base con un’altra canzone ti permette inoltre di staccare per un momento dal tuo progetto o di tenere alta l’ispirazione per i prossimi accorgimenti!

7. STROFA O RITORNELLO?

Scegli se tenere quella “bozza” come strofa o ritornello.

Soprattutto dopo averla confrontata con altre canzoni, pensi che la tua melodia sia maggiormente adatta a una strofa o ad un ritornello?

E come intro?

-Se è abbastanza lunga, ti sconsiglio di tenerla come intro, perchè dovrai rispettare certe tempistiche

-Se è “corposa” ed ha poche variazioni di note, potresti utilizzarla come ritornello

-Se ritieni stia meglio senza accompagnamento, allora non ti resta che definirla come strofa

8. RIASCOLTA

Utilizza sempre il brano di riferimento di cui ti parlavo nel punto N.6

Riascolta per l’ultima volta il piccolo progetto che hai creato e chiediti:

-Cosa devo perfezionare?

-In quale fase dovrò fare variazioni? Arrangiamento, Mix o Mastering?

-Le note che ho registrato sono esattamente quelle che avevo in mente prima di produrre?

-Ho raggiunto il mio obiettivo o manca ancora qualcosa?

-Se aggiungessi un’altra traccia, un altro strumento, un altro accordo?

-Cosa manca ai miei suoni per avvicinarmi il più possibile al brano di riferimento?

9. CHIEDI CONSIGLI

Riposati, in modo da staccare per qualche ora o qualche giorno da quel progetto.

Chiediti se sei soddisfatto e se la risposta è affermativa, fai ascoltare la melodia completa e ultimata a chi vuoi.

Può essere un amico fidato, un parente, un genitore.

Oppure puoi pubblicarla sui social e chiedere critiche costruttive o puoi caricarla su Soundcloud per l’ascolto in streaming.

Cerca di farti dire cosa trasmette quella melodia a quelle determinate persone che hai scelto e poi confronta il loro parere con ciò che volevi trasmettere TU.

Se corrisponde, beh.. HAI VINTO!

“Come posso rendere questo procedimento più semplice e veloce?”

A mio avviso devi conoscere le tecniche di produzione musicale.

Una volta scoperte le tecniche per produrre, sicuramente sarai in grado di passare più velocemente da una semplice melodia ad un brano vero e proprio.

Perchè avrai in mano le competenze necessarie. Starà poi SOLO A TE mettere in pratica ciò che hai imparato.

Scopri ora le tecniche di produzione musicale!

–Andrea

Stay Creative