Attenzione attenzione…

Qua potresti trovare qualche anticipazione in merito al nuovissimo corso gratuito sulla Composizione MIDI.

Anzi, prima di iniziare iscriviti almeno capisci di cosa sto parlando:

https://musicistacreativo.it/corso-gratuito-composizione-iscrizioni/

Il corso è suddiviso in 4 video totalmente gratuiti e totalmente online.

E in pratica spiega un nuovo metodo di Composizione adatto a tutti i generi musicali (bypassando le regole di teoria che sono comunque sempre importanti da sapere).

Ma possiamo dire che questo è il “metodo veloce” di Composizione.

Per questo motivo si basa su un concetto super-banale: i codici.

Esatto hai capito bene…grazie a dei semplici numeri e delle semplici combinazioni si possono creare accordi, melodie, giri di accordi e così via!

Mi piace dividere questo nuovo metodo in 3 STEP.

Dove ogni “pezzo” è fondamentale per capire l’intero procedimento.

Vediamoli insieme…

1 – LE MELODIE

Non mi stuferò mai di dirlo: devi saper applicare assolutamente lo “Schema di riferimento”.

In parole povere è uno schemino che puoi mettere alla fine del Pattern dove stai per comporre…

E ti indica quali sono le note della tonalità che hai scelto!

ATTENZIONE: Per creare lo “schema di riferimento” non hai bisogno di nessuna regola di Teoria musicale…

…Ed è tutto molto semplice: se sai fare 2+2, sai anche creare lo schema.

Parti da un LA qualsiasi sul Piano-Roll e segna tutti i tasti bianchi fino al LA successivo (quello dell’ottava sopra per intenderci).

In questo modo hai creato la COMBINAZIONE DELLA SCALA MINORE.

E sai cos’è il bello?

Che puoi SPOSTARE LO SCHEMA DOVE VUOI in base alla tonalità che scegli.

Non vuoi comporre in LA_MIN perchè lo fanno tutti?

Benissimo: seleziona tutto lo schema e spostati su qualunque altra nota!

Vuoi essere originale?

Sposta tutto sul SIb_MIN (si bemolle minore)…

Questo chiaramente è solo un esempio ma è per farti capire quanto sia potente questo schema.

Una volta creato ti farà comporre in modo intonato (in qualunque tonalità tu ti voglia andare ad infilare).

Ora, devi sapere che la creazione di frasi melodiche si suddivide in:

  • TEMA MUSICALE
  • MOTIVI

La differenza la spiego nel dettaglio nel corso Gratuito di Composizione MIDI, quindi non devi assolutamente mancare all’appello:

https://musicistacreativo.it/corso-gratuito-composizione-iscrizioni/

In generale ti posso dire che il Tema musicale comprende più Motivi.

I motivi solitamente sono brevi, veloci, molto ripetitivi.

E vengono creati apposta in questo modo per entrare più facilmente nella testa dell’ascoltatore!

Ci avevi mai fatto caso?

I brani che ti rimangono di più in testa sono quelli che hanno Motivi semplici, chiari e molto brevi.

Ma ora torniamo a noi…

“Come posso comporre velocemente le melodie e in modo intonato? Non ne posso più di andare ad orecchio!!!” – starai pensando.

Una soluzione c’è e si chiama “schema di riferimento”, te l’ho già detto prima!

Con questo piccolo aiutante potrai davvero comporre in modo molto più veloce (anche x10) e soprattutto…scegliendo le note da quello schema, non avrai MAI più problemi di intonazione!

C’è molto altro da sapere, ad esempio come far “respirare” le melodie, come inserire le pause e QUANDO inserirle, come dare la giusta energia alla melodia, come creare la linea di basso in Midi…ecc ecc

Tutto questo bendidio è spiegato perfettamente nel mio Nuovo Corso di Composizione:

https://musicistacreativo.it/corso-gratuito-composizione-iscrizioni/

2 – GLI ACCORDI

Se hai sempre avuto qualche problema con la creazione di accordi sul Piano-Roll, allora continua a leggere attentamente.

Sto per mostrarti il metodo più semplice e pratico in assoluto per creare qualunque Accordo senza conoscere nemmeno la Teoria musicale.

Ricordi?

Utilizzare soltanto CODICI (per produrre velocemente).

Guarda qua:

Facile il nuovo metodo di Composizione, vero?

Immagino tu abbia già capito il meccanismo…

Queste combinazioni VALGONO PER TUTTE LE NOTE!

Questo significa che se parti dal DO sul Piano-Roll, potrai creare il DO_MAG seguendo la combinazione 0-4-7.

E potrai creare il DO_MIN seguendo la combinazione 0-3-7.

E poi potrai spostarti OVUNQUE. La combinazione rimane la stessa!

Vuoi spostarti sul RE?

Benissimo: seleziona tutto l’accordo e vai sulla nota RE del Piano-Roll.

In questo caso ottieni il RE_MAG o il RE_MIN a seconda della combinazione che hai scelto.

Magari ora ti stai chiedendo…

“Ok, tutto bello, ma come posso creare Accordi avanzati come le Settime??”

Ehehehe, vuoi tutto subito tu!

Ricordati una cosa: per ogni accordo (settime, none, undicesime, tredicesime, accordi maggiori, minori, diminuiti, aumentati e chi più ne ha più ne metta…) c’è UNA COMBINAZIONE, UNA FORMULA precisa.

Nel nuovo corso spiego molto bene anche questo concetto (su FL Studio) >>

Ah, quasi dimenticavo!

C’è un giochetto che potresti ancora fare sui tuoi accordi per renderli ORIGINALI e più “REALI”.

Devi semplicemente aprirli o chiuderli!

Sì hai capito bene.

Per aprire o chiudere un accordo devi solamente prendere la tonica (la nota più bassa dell’accordo) e spostarla all’ottava superiore o inferiore.

Se sposti la tonica in alto, chiudi l’accordo.

Se sposti la tonica in basso, apri l’accordo.

La timbrica è simile, ma credimi che questo piccolo giochetto fa tutta la differenza….

L’ideale sarebbe anche dare un pò di tensione su uno o più accordi…

Come fare?

Ho scritto un articolo intero su questo argomento.

3 – I GIRI DI ACCORDI (e le note di transizione)

Cosa diavolo c’entra un ponte con questo articolo?? Continua a leggere e lo scoprirai..

Diciamo che “Giri di accordi” è un modo più figo per dire “progressioni”.

Le progressioni e i giri di accordi sono la stessa cosa.

Creare accordi che, suonati in sequenza, risultino intonati…beh, non è un procedimento molto semplice.

(Per farlo devi conoscere un metodo preciso e te lo sto per svelare).

Se segui da un pò il Blog sai quanto insisto sulle regole di teoria musicale, perchè ti possono davvero salvare la vita su questo aspetto.

Qui però abbiamo detto che non parliamo di Teoria, ma di CODICI (dato che questo è il metodo “veloce” di Composizione Midi).

E’ possibile quindi creare progressioni intonate senza conoscere nulla di Teoria?

Mio caro Beatmaker: credimi se ti dico che è possibile!

(ps: la teoria STUDIALA che è sempre importante. Anzi importantissima!)

Per creare giri di accordi intonati ci viene in aiuto un caro amico.

Questo amico dovresti già conoscerlo.

Si chiama “Schema di riferimento”.

Eh già, è sempre lui..

Per questo ti dicevo che era davvero davvero potente.

Grazie a lui e al potere della “nota guida” riuscirai a creare giri di accordi intonati e a personalizzarli a tuo piacimento!

Ti spiego come fare qui >>

Aspetta, non è finita qua.

Lo sapevi che tra un accordo e l’altro sul tuo bellissimo Pattern puoi anche inserire delle note singole?

Esatto.

E queste note si chiamano: “Note di transizione”.

Come sceglierle ormai l’avrai capito (basta guardare lo schema di riferimento).

“Ma è possibile inserire delle note sopra gli accordi per dare una determinata caratteristica al Beat?”

Certo! Anche questo si può fare!

E guarda cosa ho deciso di regalarti (fossi in te mi ringrazierei ahah):

Come al solito, tutto molto semplice e chiaro.

Ogni scala ha 7 GRADI.

Questi gradi hanno un NOME PRECISO e una CARATTERISTICA PRECISA.

Se vengono inseriti in un determinato contesto, allora hanno il potere di cambiare tutta l’energia della melodia in questione.

E di conseguenza del Beat intero.

Guarda l’immagine qua sopra…ti ho inserito le caratteristiche dei 2 gradi più usati in assoluto: il 4° e il 5° (insieme al primo).

4° GRADO – SOTTODOMINANTE

5° GRADO – DOMINANTE

Leggi bene! Il quarto grado è un grado instabile ad esempio..

Cosa succede se inserisco delle note di transizione sul 4° grado che fanno da “ponte” tra un accordo e l’altro della mia progressione?

Creerò maggiore instabilità.

E cosa succede se invece inserisco delle note di transizione sul 5° grado?

Creerò maggiore sospensione.

(Proprio come c’è scritto nell’immagine che ti ho inserito qua sopra).

Tutti questi concetti li troverai spiegati nel dettaglio nel Nuovo Corso di Composizione MIDI.

Dove parliamo di questo metodo, cioè il “metodo veloce”.

Non sfrutteremo il potere della Teoria musicale, ma proveremo a creare melodie, accordi e progressioni senza l’aiuto di nessuna regola teorica.

Nelle nostre mani avremo soltanto dei CODICI.

Ti spiego tutto nel nuovo corso, iscriviti perchè finalmente smetterai di comporre ad orecchio e le tue melodie prenderanno il volo!!! >>

Per oggi è tutto.

Grazie per avermi seguito fino a qui e ci vediamo nel corso gratuito.

Stay Creative

–Andrea