fbpx

Accadono a tutti momenti tristi, momenti in cui ci sentiamo giù di morale.

Molti credono che per superare questi periodi basti ascoltare musica allegra e alzare il volume a palla.

Sbagliato!

Nella maggior parte dei casi scegliamo un brano triste per “rimanere” nel dolore ancora un pò, prima di lasciarlo andare per sempre.

Per un Beatmaker il caso è leggermente diverso però: a lui non basta ascoltare musica triste, vuole CREARLA da zero!

È lo sfogo più bello del mondo e non devi vergognartene, intesi?

Il tuo unico obiettivo deve essere quello di mettere tutto TE STESSO dentro al brano che stai facendo nascere.

In questo modo l’emozione sarà talmente forte e impattante che verrà percepita immediatamente dall’ascoltatore!

Ok, ora passiamo alla parte pratica con esempi sulla Daw.

Parte #1

Per costruire una progressione o una melodia triste, devi necessariamente avere delle competenze.

Non puoi andare ad orecchio, mi spiace.

Non azzeccheresti le note e questo genererebbe in te solo della GRANDE frustrazione.

E considerato che ti trovi già in uno stato vulnerabile…mollerai dopo pochi secondi.

Fidati di me!

La cosa più importante in questo momento è scegliere una NOTA. Una soltanto.

Sarà la tonalità dell’intero Beat quindi sceglila con cura (ti do un consiglio: il “LA” ha tutti i tasti bianchi ed è perfetto se parti da zero).

La tonalità del Beat sarà MINORE, perchè il 99% delle progressioni e melodie malinconiche sono costruite su una tonalità minore.

E tu non vuoi una melodia allegra giusto?

Ok, a questo punto crea la scala di LA MINORE segnando sul Piano-Roll tutti i tasti bianchi, partendo dal “LA” di un’ottava e arrivando fino al “LA” dell’ottava successiva.

Ecco: questo è il tuo schema di riferimento d’ora in poi.

E da lì sceglierai le note della tua melodia!

Se hai difficoltà in questo passaggio, allora iscriviti GRATIS al corso di Teoria per Beatmaker >>

Parte #2

Ora hai scelto la tonalità del Beat…

Hai creato la scala di riferimento…

Non ti resta che seguire lo schema che ti dico io, adatto per melodie MALINCONICHE!

Lo schema è questo:

1 – 3 – 6 – 5

Ogni numero rappresenta una grado della scala di LA-MIN e su ognuna di queste note costruiremo successivamente un accordo.

Guarda qui:

Nulla di complesso.

Ti basta contare dal basso verso l’alto i gradi dello schema di riferimento e disegnare le note corrispondenti su ogni quarto.

Se hai difficoltà in questo passaggio, allora iscriviti GRATIS al corso di Teoria per Beatmaker >>

Parte #3

A questo punto non ti resta che costruire degli accordi (minori e maggiori) su ogni nota che hai disegnato.

Questo è l’andamento che devi seguire per assicurarti di rimanere intonato col resto del Beat:

  • 1° Accordo Minore
  • 2° Accordo Maggiore
  • 3° Accordo Maggiore
  • 4° Accordo Maggiore

Anche qui è tutto molto più semplice e immediato di quanto credi!

Ti basta seguire la formula T+3+4 per l’accordo minore e T+4+3 per l’accordo maggiore.

Ecco l’esempio concreto:

Ora hai la tua progressione completa!

Per renderla originale e più “triste” del solito, devi semplicemente spostare alcune note. Ti spiego come fare nel prossimo paragrafo.

Se hai difficoltà in questo passaggio, allora iscriviti GRATIS al corso di Teoria per Beatmaker >>

Parte #4

La progressione minore è pronta. Ci siamo.

Lasciarla così però comporta due cose:

  1. L’energia va verso l’alto (tipico delle progressioni allegre)
  2. Non stiamo rispettando le regole di armonia

Tranquillo, c’è la soluzione e si chiama RIVOLTO.

In pratica consiste nel “ribaltare” le note di un accordo.

Le sposteremo nell’ottava superiore: in questo modo sposteremo l’energia verso il basso (tipico delle progressioni malinconiche) e allo stesso tempo rispettiamo la regola armonica che dice di “fare meno spostamenti possibili tra un accordo e l’altro”.

Et voilà!

Due piccioni con una fava!

Abbiamo risolto entrambi i problemi semplicemente applicando la tecnica dei rivolti sui nostri accordi.

Se hai difficoltà in questo passaggio, allora iscriviti GRATIS al corso di Teoria per Beatmaker >>

Parte #5

Lo dico sempre: competenze e creatività sono le fondamenta per un Beatmaker.

Il corretto bilanciamento tra questi due elementi ti trasformerà in un produttore diverso dalla massa.

Per questo motivo non dovresti mai accontentarti e sentirti arrivato.

Studia, inventa, crea, cambia… ma soprattutto testa continuamente nuove idee e nuova musica.

“Cosa c’entra tutto questo con le melodie tristi Andrea??”

Guarda qui:

Puoi fare tutti i test del mondo e mischiare ciò CHE SAI con ciò CHE VUOI CREARE.

Competenze e creatività, ricordi?

In questo screen possiamo vedere il primo accordo che è diventato una SETTIMA, l’ho reso complesso e con una timbrica particolare.

Il secondo accordo è stato duplicato e si è trasformato in un bicordo: ho cambiato ritmo e suono in un colpo solo!

Il terzo accordo ho deciso di mantenerlo uguale agli esempi precedenti.

Mentre il quarto accordo è stato duplicato e trasformato in un “bicordo ribaltato”.

Questo è il bello della musica!

Ora tocca a te!

Per facilitarti nell’intero processo, ho deciso di girare un video dove ti spiego step-by-step sul PIANO-ROLL tutto quello che abbiamo visto fino a qui.

Sono certo che ti aiuterà.

Se hai difficoltà in questo passaggio, allora iscriviti GRATIS al corso di Teoria per Beatmaker >>

Stay Creative

–Andrea